Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/163

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

155

Pantalone. Mo resto mi più stordito de vu. Com’elo sto negozio? Ti, tocco de desgrazià, ti m’averà fatto la baronada. (a Lelio) Per ingannarme ti m’ha portà sto sacchetto, acciò vedendo el sior Fabrizio, no scoverza che ti ha abuo i bezzi e che no ti mi ha portai.

Lelio. Signore, vi assicuro che io sono innocente.

Pantalone. Ti ti l’ha messo in camera co le to man; ti ti ha serrà la porta. Chi vustu che l’abbia averta? Altre chiave non ghe xe che l’averza.

Tiburzio. (Con queste istorie non vorrei perdere i quattrocento scudi). (da sè)

Ottavio. Vi volete fidar di lui.

Florindo. Se vi fidaste di me, non anderebbe così.

Lelio. Tutti contro di me? Tutti congiurati a precipitarmi!

Pantalone. Tasi là, temerario, indegno; altri che ti no me pol aver fatto una bassetta de sta natura. To pare ti tratti cussì? To pare, che te vol tanto ben, che ha fatto tanto per ti?

Lelio. Vi giuro per quanto che v’è di più sacro....

Pantalone. Zitto, no zurar. No far ch’el cielo mazormente irrità dai to sperzuri, te fulmina, te subissa. Sior Tiburzio, andemo in mezza, che ve darò i vostri bezzi; e ti infame, traditor, ladro, sassin, va fora subito de sta casa. Va via de qua; no far che te veda; no me vegnir per i piè, se no ti vol che te sacrifica co le mie man.

Lelio. Oh povero me! Signor padre, per carità...

Pantalone. Va via de qua, che te trago un piato in tel muso. Andemo, andemo via, che me pizzega le man. No ghe penso dei bezzi. Trasento scudi no i me fa ne più povero, nè più ricco, ma me fa specie la baronada; me ferisce el cuor; me trafige l’anima de vèderme sassinà dal mio sangue; vèderme tradio da un fio che me costa tanti spasimi, tanti suori. Oimè! no posso più. Sior Tiburzio, compatime per carità.

Tiburzio. Povero padre, fa compassione ecc.