Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/192

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Arlecchino. Sior.

Pantalone. No me par che una volta ti gh’avessi genio per Colombina?

Arlecchino. Sior sì.

Pantalone. La tioresistu per mugier?

Arlecchino. Oh magari!

Pantalone. Colombina, se ti io vuol, le darò mi dusento ducati per dota.

Colombina. Lo prendo, lo prendo. (si toccano la mano)

Pantalone. Adesso tutto xe giusta. La bacchettona xe condannada a far da senno quel che la fava da burla. Florindo xe andà a purgar in mar le baronate che l’ha fatto in terra. Ottavio porterà la pena de la so ipocrisia. L’innocenza de Lelio xe recompensada. La bontà de siora Eleonora xe premiada. Colombina xe resarcia. El Dottor xe contento. Mi son consola e mia mugier s’ha castiga da so posta; onde spero eh el mondo, che saverà sto fatto, dirà che mi non ho manca al mio debito, per comparir e per esser un ottimo pare de famegia. Fine della Commedia.