Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/299

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


NOTA STORICA

Del Cavaliere e la Dama e della sua fortuna si trovano i cenni più im- portanti nella seconda parte dei Mémoires, e. 4 (dove è da notare qualche inesattezza nel riassunto della favola) e nelle premesse alia commedia. Con- temporaneo al Padre di famiglia (v. lett. al Bettinelli), appjirtiene al secondo anno della riforma, ma fu recitato dapprima a Verona nella state del ’49 (v. edd. Raperini e Pasquali) ; poi a Venezia per quindici sere, probabilmente da S. Caterina (25 nov.) lino al termine della stagione autunnale dei teatri ( 1 5 die). Le liete accoglienze si ripeterono nella primavera e nell’ estate del ’50 a Mem- tova e a Milano, ma invece a Torino, nella primavera del ’51, la commedia non piacque, come ci informa un po’ sorpreso l’ autore nella lettera di dedica della Famiglia dell’ antiquario (v. anche lett. all’ Arconati dei 30 apr. ’5 1 ). Vero è che Goldoni, almeno nei primi anni della riforma, tenne fra le sue predilette creazioni questa « che superò le altre tutte in aver applauso, e nella quale veramente aoeva posto più studio e più fatica » (pref. generale all’ ed. Bettinelli, t. I, 1 750 ; cfr. Sonetto recit. l’ ultima sera del cam. ’50 : Mala- mani, in Aterìco Veri, a C. G., Ven., 1907, pag. 32); e però con piacere dovette leggere nel n. 34 delle Novelle della Repubblica Letteraria per l’anno 1751 (Ven., Occhi): «Sopra tutto raccomandiamo al Librajo (Bet- tinelli) la pubblicazione delle due Commedie che furono in Venezia accolte con tanto applauso degli uomini dotti, cioè l’ Avvocato e il Cavaliere e la Dama ».

Ricorda l’ autore nei Mémoires non so quale emonimo libello che criticava la risposta di don Rodrigo alla sfida di don Flaminio, perchè contraria alle leggi della cavalleria. Audace era stato il nformatore veneziemo, ma correvjmo ormm tempi poco favorevoli ai puntigli cavallereschi, e contro il duello si scri- veva in tutti i paesi fin dal Seicento : con più autorità in Italia dal meu’chese Maffei, con più violenza dall’ abate Leum. Goldoni aveva già riso dei provo- catori neir Uomo di mondo (A. I, se. 12) e un’altra lezioncina ebbe pronta in un dialogo, poi soppresso, della Famiglia dell’ antiquario (A. Ili, se. 6 : edd. Bettin. e Paper.). Proprio nel meu^o ’50 il eonte Duranti di Brescia, noto ai letterati, uccideva in duello un conte Martinengo : il quale fatto destò rumore nel pubblico veneziano, benché il processo che ne seguì si chiudesse r armo dopo con l’ assoluzione.

Ben maggiori pecche scoperse nel Cavaliere e la Dama l’ ab. Pietro Chieu’i, armatosi bravamente d’ una dozzina di poetiche aristoteliche. Per esempio Eleonora, « che non vuol esser soccorsa dall’ innamorato servente, e mangieur si lascia le viscere da un curiale mdiscreto, fa due personaggi in commedia e due azioni rappresenta » ; esce dai « confini del verisimile » quel meirito « si ben impresso dell’ onestà d’ un amico, che l’ obbliga ad isposare una moglie » ; offende il costume la demia, qujmdo a interrompere un tenero colloquio con don Rodrigo chiama « improvvisamente la fante » , quasi confessando « di sen- tirsi allora allora l’ abbominevole vergognoso prurito > ; disdice « ad un cava- liere prudente . . . valersi d’ un servitore sciocco e balordo quanto è Arlecchino » per soccorrere in segreto una donna povera ; finalmente una moglie che « inor-