Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/384

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


SCENA IV.

Pantalone, Arlecchino e detto.

Pantalone. (Conducendo per mano Arlecchino) Veglù qua, sior, no ve vergogne, no ve tire indrio; confesse a sior Conte la bella vendita che gh’ave fatto, e chi ve l’ha fatta far.

Arlecchino. Siori, ve domando perdon...

Anselmo. (Questi è l’Armeno), (da se) Siete voi l’Armeno?

Arlecchino. Sior sì; son un Armeno da Bergamo.

Anselmo. Come!

Pantalone. Chi v’ha introdotto in sta casa? Parie, (ad Arlecchino)

Arlecchino. Brighella. (sempre timoroso)

Pantalone. A cossa far?

Arlecchino. A vender le strazze al sior antiquario.

Pantalone. Sentela, patron? (ad Anselmo)

Anselmo. Come, stracci? 11 lume etemo...

Arlecchino. L’ è una luse da oggio che vai do soldi.

Anselmo. Oimè! non è il lume eterno trovato nelle piramidi d’ Egitto?

Arlecchino. Stara, stara e mi cuccara.

Anselmo. Ah son tradito, sono assassinato! Ladro infame, anderai prigione.

Pantalone. E1 ladro, el baron xe Brighella, che l’ha mena in casa e s’ha servido de sto martuffo per tor in mezzo el patron.

Arlecchino. E mi che aveva impara da quel bon maestro, son pò vegnìi colle drezze de Lucrezia romana.

Anselmo. Dove sono le treccie di Lucrezia romana?

Pantalone. Eh, no vedela che le xe furbarie? Mi l’ho scoverto e gh’ho tolto de man tutte quelle cargadure che el vegmva a venderghe a eia.

Anselmo. Ah scellerato! Signor Pantalone, mandiamo a chiamare gli sbirri. Facciamolo cacciar prigione.

Pantalone. Mi no voggio altri impegni; l’ho tegnù qua per disingannarla, e mi basta cussi. Va là, tocco de furbazzo. Va lontan de sta casa, e ringrazia el cielo che la te passa cussi.