Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/398

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Pantalone. La compatissa, se vegno a darghe un poco d’incomodo.

Isabella. Vostra figlia ha poco giudizio.

Pantalone. Adessadesso la sarà qua anca eia.

Isabella. Ella qui? Come (’) c’entra nelle mie camere?

Anselmo. Deve venire per un affar d’importanza.

Isabella. E non vi è altro luogo che questo?

Pantalone. Avemo fatto per no incomodarla eia fora della so camera.

Isabella. La riceverò come merita.

Pantalone. La la riceva come che la voi, che n’importa.

SCENA ULTIMA.

DoRALicE, Giacinto, il Cavaliere del Bosco e detti.

Cavaliere. Servitor umilissimo di lor signori (2).

Anselmo. Sediamo, sediamo. (tulli siedono)

Doralice. Si può sapere per che cosa mi avete condotta qui? (a Giadnlo)

Giacinto. Or ora lo saprete.

Anselmo. Moglie mia carissima, nuora mia dilettissima, sappiate ’ ch’io non sono più capo di casa.

Isabella. Già si sa, quest’impiccio ha da toccare a me.

Anselmo. Non dubitate, l’impiccio non tocca a voi. Il signor Pantalone ha assunto l’impegno di regolare la nostra casa. Mio figlio ed io abbicano cedute a lui tutte le nostre azioni e ragioni, e abbiamo sottoscritto alcuni capitoli, che ora anche voi sentirete.

Isabella. Questo è un torto che fate a me.

Doralice. In quanto a questo poi, in mamcanza del capo di casa, tocca a me.

Isabella. Io sono la padrona principale.

Dottore. Brava! (3)

Pantalone. Orsù, un poco de silenzio. Mi lezerò i capitoli della (I) Bett.: cosa. (2) Le edd. Bett, Pap. ecc. aggiungono: « Isab. Che ne dlle? ha sempre il Cavaliere al fianco, al Dottore ». (3) L’ed. Bett. aggiunge: « Dor. Io ho liberate l’entrale colla mia dote. Cav. É vero, è vero ».