Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1909, IV.djvu/17

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

11

ALLA NOBILISSIMA DAMA

LA SIG. MARCHESA

D. MARGHERITA LITTA

NE’ MARCHESI CALDERARI

Regi Feudatarj di Turano e Belvignate,

Contado di Lodi e di Paderno, Pieve

di Desio, Ducato di Milano.


NIUNO meglio dì Voi, NOBILISS. DAMA, può dar giudizio delle buone o delle cattive Commedie, poichè non solo talento grande e peregrino avete per discemere l’ottimo in tutte le cose, ma della Commedia precisamente vi compiacete moltissimo, onde aggiunto al vostro sapere il parziale diletto, siete e delle bellezze e de’ difetti di essa una perfetta conoscitrice.

Quando nell’anno scorso giunse in Milano la Compagnia de’ Comici a rappresentare le Commedie mie di carattere, tremai del giudizio rispettabile de’ Milanesi, ma più di tutti tremai del vostro, poichè sendomi nota la vostra delicatezza e l’ottimo gusto vostro, parevami veder dipendere dall’approvazione vostra quella del maggior numero.

Egli è verissimo, che seguitando Voi l’adorabile esempio della vostra gran Genitrice, siete due magnanime Protettrici di tutti quelli che, scrivendo o operando, contribuiscono in varie guise al bel piacer del Teatro, e ciò lusingar mi doveva che anch’io, Autor di Commedie, goduto avrei del vostro benignissimo patrocinio; ma lasciate, NOBILISS. DAMA, ch’io vi confessi l’audace volo de’ miei pensieri.

L’esser da Voi protetto è onor grande, grandissimo, invidiabile e sospirato, ma io ebbi il coraggio di desiderare ancora di