Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1909, IV.djvu/314

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
302

servare la legge, che da principio dissi venirmi dalla Vostra moderazione imposta, che però considerando io ancora che gl’infiniti meriti Vostri si rendono vieppiù palesi nel luminosissimo grado in cui siete di Savio del Gran Consiglio1, impiegherò soltanto queste ultime righe a supplicare l’E. V. del suo benignissimo patrocinio, e d’impetrarmi vieppiù quello degli Eccellentissimi miei Padroni ed Amici Vostri, con che profondamento m’inchino2.

Di V. E.

Umiliss. Devotiss. e Obbligatiss. Serv.
Carlo Goldoni


  1. Ed. Paperini: che gl’infiniti meriti Vostri sono bastantemente palesi, e che serba a questi l’Augusta Patria la ricompensa, impiegherò ecc.
  2. Paper.: ed Amici vostri, in un tempo in cui ne ho tanto bisogno.