Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1909, IV.djvu/320

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
308 ATTO PRIMO

Brighella.a Mi non ho mai più visto un amor più curioso del vostro. Vussignoria ama teneramente la signora Rosaura: el ghe sta in casa, facendo pratica de medicina col signor Dottor, padre della ragazza, el gh’ha quanto comodo el voi de parlarghe, e invece de farlo a bocca, el vol spiegarse con una serenada, el vol dirghelo con una canzonetta? Eh, no la butta via el so tempo così miseramente. La parla, la se fazza intender, la senta l’inclinazion della giovine: e se la ghe corrisponde, allora po la ghe fazza delle serenade, che almanco no la butterà via cussi malamente i so bezzi.

Florindo. Caro Brighella, te l’ho detto altre volte: non ho coraggio. Amo Rosaura, ma non trovo la via di spiegarmi1 che l’amo. Credimi, se a faccia a faccia giungessi a dirle qualche cosa dell’amor mio, morirei di rossore.

Brighella. Donca la vol tirar avanti cussì? Penar senza dirlo?

Florindo. Via2, va alla peota, e ordina che si canti la nuova mia canzonetta.

Brighella. La me perdona. Ho servido in Bologna so sior padre. V. S. l’ho vista a nasser, e ghe voio ben. Sibben che adesso in sta città servo un altro, co la vedo ella, me par de veder el mio patron, e quelle ore che posso robar, le impiego volontiera3...

Florindo. Brighella, se mi vuoi bene, fa quello che ora ti ordino; va alla peota, e di’ che si canti.

Brighella. La servirò, come la comanda. .

Florindo. Mi ritirerò dietro di questa casa.

Brighella. Perchè retirarse?

Florindo. Per non esser da nessuno osservato.

Brighella. (Oh che amor stravagante! Oh che zovene fatto all’antiga! Ai nostri dì4 se ne trova pochi de sta sorte de mammalucchi5). (s’avvia verso la peota

  1. Il linguaggio di Brighella può passare per veneziano.
  1. Bett.: spiegarle.
  2. Bett. e Paper.: Animo.
  3. Bett. aggiunge: a servirla. Me despiase de vederla a buttar via el so tempo e i so bezzi, e vorave più tosto...
  4. Bett.: zorni.
  5. Bett.: pampalughi.