Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1909, IV.djvu/443

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

429

L'AUTORE

A CHI LEGGE.1

.

NON vi è fra gli uomini il più pernicioso alla società, oltre il perfido adulatore; poichè distrugge negli animi quel rossore, ch’è talvolta freno alle colpe, e colorisce i vizi talmente, che più non si ravvisano da chi li coltiva, ed è disperata l’emenda.

Io abborrisco in sì fatto modo gli adulatori, che non mi sazierei d’ingiuriarli, per quanto scrivessi in discredito della loro arte maligna, scandalosa, inumana. Mi sono contro di essi sfogato un poco nella presente Commedia, e non l’avrei finita sì presto, se dalle leggi del tempo non fossi stato costretto a non oltrepassar le misure. Avevami trasportato il mio irritamento contro costoro a far avvelenare l’Adulatore, e a presentarlo al Popolo moribondo

  1. Fu stampato, come segue, per la prima volta nel tomo III (1762) dell’ed. Pasquali di Venezia. Altrimenti si leggeva nel t. III (1753) dell’ed. Paperini di Firenze: «Troppo onore vien fatto a questa Commedia dalla Ed. del Bettinelli, in cui nel T. IV, in un fogliaccio senza numero, precedente alla Commedia dell’Adulatore, dicesi essere stata applauditissima per tutto, dove la Compagnia ne fece le rappresentazioni, per lo più ricercate con molta avidità. Io ho piacere che delle mie Commedie si dica bene, e se non avessi fatto che questa sola, monterei in superbia sentendo dire che fosse con avidità ricercata. Ma siccome tant’altre Commedie mie furono più di questa felici, vuole la mia ingenuità ch’io dica non esser vero ch’ella riuscisse applauditissima per tutto, e molto meno che siasi replicata in Venezia fra l’Autunno e il Carnevale diciotto sere. L’Editore fra gli altri infiniti errori averà fatto anche questo, d’appiccare all’Adulatore un’annotazione che era forse preparata per qualche altra Commedia; e ciò rilevasi maggiormente, perchè non fu per la prima volta recitata in Milano, com’egli dice, ma in Mantova la Primavera. Chi diamine ha detto allo Stampator di Venezia che io nella mia Ed. Fiorentina voleva alle Commedie premettere nei Frontespizj cotali annotazioni? Egli mi ha prevenuto, in grazia di qualche mio buon amico; ma almeno lo facesse a dovere, con verità. - L’Adulatore non posso dire che sia stata Commedia universalmente dispregiata, ma non fu universalmente gradita. Piacque in Venezia, e fu rappresentata cinque, o sei sere, con moderato concorso. A Mantova poco piacque, ed a Milano meno. - Dirà taluno: che perdi tu a far credere che la tua Commedia vaglia più di quello che tu la stimi? Sì, ci perdo: voglio dire la verità. Se chi la legge, non la trova corrispondente all’annotazione ampollosa, può scemare la stima a tutte le altre, che con maggiore verità l’averebbero meritata. Dunque si concluderà per questo che sia l’Adutatore una cattiva Commedia? Corbelli! Non son sì pazzo a dirlo, e non lo credo assolutamente. So quanta fatica mi costa. Non è Commedia di gran passione, di grand’intreccio; non interessa, come tante altre fanno; ma e Commedia che forse cinque anni sono averebbe meritato l’elogio dello Stampator Veneziano».