Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1909, IV.djvu/447

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

L'ADULATORE 433

ATTO PRIMO.
SCENA PRIMA.
Don Sancio a sedere, Don Sigismondo in piedi.

Sigismondo. Eccellenza, ho formato il dispaccio per la Corte. Comanda di sentirlo?

Sancio. È lungo questo dispaccio?

Sigismondo. Mi sono ristretto più che ho potuto. Ecco qui, due facciate di lettera.

Sancio. Per ora ho poca volontà di sentirlo.

Sigismondo. Compatisco infinitamente Vostra Eccellenza: un cavaliere nato1 fra le ricchezze, allevato fra gli agi, pieno di magnifiche idee, soffre mal volentieri gl’incomodi. (Tutto ciò vuol dire ch’egli è poltrone). (da sè)

  1. Ed. Bettin.: come lei, nato.