Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1909, IV.djvu/563

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

IL POETA FANATICO 549


il suo dovere, e tocca a me sola a pensare a tutto. Questa mattina, per quel che vedo, non si pranzerà. Brighella ha fatto la spesa, e poi subito si è ritirato in camera a comporre; e invece di far fuoco, portar acqua e legna, si perde a far dei versacci. Ma voi siete causa di tutto. Voi date loro fomento colle vostre pazzie.

Ottavio. (L’ho trovata). (da sè, scrive)

Beatrice. Che! Mi lasciate parlare come una pazza, e non mi date risposta?

Ottavio. Zitto.

Beatrice. Così non può durar certamente.

Ottavio. Zitto;1 ho perso la rima, non me ne ricordo2 più. Te invita, o bella...

Beatrice. Rispondetemi a questo che vi dico, e poi me ne vado.

Ottavio. Te invita, o bella, a respirar alquanto.

Beatrice. Ma io non sono finalmente la vostra serva.

Ottavio. Ma voi mi volete far dar al diavolo. Non vedete che son qui tutto intento a comporre un sonetto, e voi mi fate perdere le rime?

Beatrice. Voi fate il sonetto, e questa mattina non si pranzerà.

Ottavio. Deh non sdegnar... Perchè non si pranzerà?

Beatrice. Brighella compone.

Ottavio. Chiamatelo. Deh non sdegnar di stare3 meco accanto.

Beatrice. L’ho chiamato, e non vuol venire.

Ottavio. Dove sta?

Beatrice. In quella camera.

Ottavio. Ora lo chiamerò io.

Beatrice. Via, chiamatelo.

Ottavio. Zitto. (Una rima in ira). (da sè)

Beatrice. Chiamatelo, e poi finirete il sonetto.

Ottavio. Sì, ora lo chiamo. (s’alza e poi torna al tavolino) Ch’io pietà merto ...

Beatrice. E così?

  1. Bett. aggiunge: Sia maledetto.
  2. Bett.: non me l’arricordo.
  3. Zatta: starti.