Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1909, IV.djvu/573

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

IL POETA FANATICO 559

Corallina. Sarebbe per noi troppo onore.

Ottavio. Come vi chiamate? (a Corallina)

Corallina. Io ho nome Corallina.

Tonino. E mi Tonin, per servirla.

Ottavio. Di che paese siete? (a Tonino)

Tonino. Mi son Venezian.

Corallina. Ed io sono nata a Bergamo, ma sono stata allevata fuori.

Ottavio. È molto tempo che siete in questa città? (a Tonino)

Tonino. Sarà tre zorni.

Ottavio. Siete marito e moglie? (a Corallina)

Corallina. Sì signore, e abbiamo i nostri attestati.

Ottavio. Ma per che causa vi ritrovate qui? (a Tonino)

Tonino. Ghe dirò: la sappia che mio pare....

Ottavio. Ditemi, in che stile componete voi? (a Tonino)

Tonino. Per el più in bernesco e in lengua veneziana, e mi diletto de improvvisar.

Ottavio. Bravo! Di1 bei sali si sentono nel vostro idioma! Gran bella cosa è l’improvvisare. Sicchè vostro padre.... Seguitate.

Tonino. Mio pare xe un mercante ricco Venezian, el qual avendo dei negozi in Toscana...

Ottavio. E voi, signora, in che stile componete? (a Corallina)

Corallina. Un poco in uno stile, un poco nell’altro; e anch’io qualche volta dico dei versi all’improvviso2.

Ottavio. Bravissima. E così? (a Tonino)

Tonino. E cussi, el m’ha mandà in Toscana, e capitando a Fiorenza, ho avù occasion de veder e de praticar....

Ottavio. Io compongo volentieri nello stile eroico. (a Corallina)

Brighella. E mi in stil macheronico.

Corallina. Ogni stile è bello e buono, quando si tratta felicemente.

Tonino. Comandela che seguita la nostra istoriella? (ad Ottavio)

Ottavio. Voglio farvi sentire uno dei miei sonetti eroici.

  1. Bett.: Gran.
  2. Bett. aggiunge: ma senza canto.