Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1909, IV.djvu/607

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

IL POETA FANATICO 593

          Talor perchè allegrissime,

          Talor perchè patetiche;
          E belle son, se piacciono.
                                   E belle ecc.
     Chi vuol la donna picciola,
          Chi grande la desidera,
          Del grasso chi dilettasi,
          E chi la vuol magrissima;
          Chi vuol che sappia ridere,
          Chi vuol che sappia piangere;
          E belle chiaman gli uomini
          Sol quelle che a lor piacciono.
                                   Sol quelle ecc.
     Bellezza è dunque varia,
          E non ha certo merito,
          E non può i cori accendere,
          Se a lei non somministrasi
          Valor da noi medesimi.
                                   Valor ecc.
     Ma non così la grazia,
          La qual da tutti ammirasi1,
          E d’essa ognun dilettasi,
          E ognun, che ad essa accostasi,
          Si sente nel cuor ardere.
                                   Si sente ecc.
     La grazia, ch’è indelebile,
          In una brava femmina
          In vecchia età conservasi;
          Ma una sgarbata giovine,
          Ancorchè sia bellissima,
          Quando un pochino invecchia,
          Si rende altrui ridicola.
                                   Si rende ecc.

  1. Bett.: La qual da tutti vedesi - In un oggetto simile.