Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/150

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
140


che la fortuna i agiuta, e i se mantien a forza de imposturar. Ma quando l’omo scomenza a scantinar, quando in piazza el scomenza a mancar de credito, tutti ghe xe adosso, tutti cerca de ruvinarlo, tutti aspetta de goder la bella botta. E saveu perchè? Per invidia del ben dei altri e per amor del proprio interesse; perchè la torta se spartissa po tra de lori, e perchè el precipizio de un poveromo accressa i so utili, ghe moltiplica le corrispondenze, e daga fomento e pascolo alla so maledetta ambizion.

Brighella. Sior padron, adesso non è tempo nè de perderse de animo, nè de formar riflessi sulle vicende del mondo; la vada a casa a sentir cossa dise monsù Rainmur.

Pantalone. Cossa te par a ti, caro Brighella? Cossa t’alo dito? Come t’alo parla?

Brighella. El me par un pochetto turbà; ma no sarà niente.

Pantalone. Astu visto mio fio?

Brighella. Signor no, non l’ho visto.

Pantalone. Va là, va a Rialto ...

Brighella. Come vorla che diga?

Pantalone. Dighe che i aspetta... Ma pò, se no podessse vegnir?

Brighella. È meggio che li licenzia per sta mattina.

Pantalone. Ma le lettere che scade ancuo?

Brighella. Se le scade ancuo, gh’è tempo tutta la zornada.

Pantalone. Se costuma pagar la mattina a Rialto, al banco.

Brighella. Mattina o sera, co se paga, basta.

Pantalone. Va là, za xe tardi. L’ora de Rialto xe debotto passada. Per sta mattina no saremo più a tempo. Procura de darghe delle bone parole; e dighe che pagherò. (guarda l'orologio)

SCENA VII.
Dottore Malazucca e detti.

Dottore. Signor Pantalone de’ Bisognosi.

Pantalone. Schiavo, sior Dottor carissimo. La compatissa se l’ho fatto aspettar. Ma adesso no me posso trattegnir.