Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/341

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


ATTO SECONDO.

SCENA PRIMA.

Camera in casa di Lelio, con tavolino su cui ewi il di lui vestito. Eleonora sola. Oh che bestia è quel mio marito! Con lui non si può parlare. Subito alza la voce (I). Ma gridi, strepiti, faccia quanto sa e quanto vuole, mi ha da dire quel che si fa in quella casa, o me ne vado a star con mia madre. Mi dispiace che sul più bello è venuto il fattore! Non ho potuto dirgli l’animo mio; ma anderà via il fattore, e mi sfogherò. Frattanto, giacche qui è il vestito che Lelio aveva attorno questa mattina, voglio (I) Pap. aggiunge: e si dilllta d’alzar le mani.