Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/425

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

IL CONTRATTEMPO 411


mia fia? Elo fursi vegnù per sedurla, per sassinarla? Coss’è sta cossa? El gh’ha bisogno de impiego, e el primo zorno che el vien in casa mia, el fa le carte colla mia putta? Questa, oltre una malizia betona, la xe mo anca una imprudenza massizza. L’ho scoverto a tempo. Nol fa per mi. Povero desgrazià! Nol farà mai ben a sto mondo. No val virtù, no val spirito, no val talento per aver fortuna; ma ghe vol bontà de cuor, onoratezza de man, e prudenza de lengua.

Fine dell’Atto Primo.