Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/490

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

La Moglie saggia: 30. Il Marchese di Monte Fosco, o sia Il Feudatario: 31. Le Donne gelose: 32. La Serva amorosa: 33. I Puntigli domestici: 34. La Figlia obbediente: 35. I Due Pantaloni, o sia I Mercatanti: 36. La Locandiera: 37. Le Donne curiose: 38. L’Imprudente, il di cui argomento niente ha che fare col Pantalone imprudente. Commedia quinta: 39. La Donna vendicativa: 40. Il Bugiardo.

Metto Il Bugiardo per ultimo, quantunque sia andato in iscena nell’anno secondo della scrittura, perchè su questo mi si può fare un obietto, ed io lo voglio risolvere. Premettasi alla risoluzione e all’obietto stesso, che nell’anno 1748, prima che scrittura alcuna passasse fra il Medebach e me, col patto verbale di zecchini cento, le seguenti cose per il di lui Teatro ho composte: 1. L’Erede fortunata, recitata poi l’anno dopo: 2. La Vedova scaltra: 3. Il Sensale da matrimoni: 4. L’Uomo prudente: 5. La Putta onorata: 6. Il Nerone, tragedia: 7. Il Bugiardo, e varie altre Commedie, di quelle che a soggetto si chiamano, parte di nuovo composte, e parte sopra soggetti dell’arte regolate e condotte; non numerandosi fra le Commedie fatte pel Medebach le altre due dal medesimo nell’anno primo rappresentate, cioè: Il Tonin Bellagrazia e I due Veneziani Gemelli; poichè queste erano per avanti state da me composte per il di lui celebre Pantalone Cesare d’Arbes, da me altre volte ne’ fogli miei commendato.

Ora premesse le allegate cose, l’obietto è questo: il Bugiardo composto fu il primo anno, innanzi la formazione della scrittura; non si recitò in quel tempo, ma solo due anni dopo, e non per questo potrà comprendersi nel numero delle quaranta nel quadriennio dovute; dunque il Goldoni restò al Medebach debitore d’una Commedia. Rispondo: che nell’anno primo, la Commedia intitolata Il Bugiardo riuscì cattiva, perchè niuno scrittore promettere si può di far sempre cose buone, e fu giudicato a proposito di non esporla. Due anni dopo, cioè nell’anno secondo della scrittura, presa per mano una tal Commedia già abbandonata, serbato appena il soggetto, fu poi nuovamente scritta, ed in altro aspetto prodotta; onde ecco una nuova Commedia, che compie il numero delle