Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/221

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Corallina. Oh, mi no parlo. Savè chi son.

Arlecchino. Noi gh’ha alter che quella spolverina, e el se vergo- gna a vegnir.

Corallina. Noi gh’ ha una velada ?

Arlecchino. Oh, el ghe n’ ha delle velade !

Corallina. Perchè no se ne mettelo una?

Arlecchino. Zitto. El le ha tutte impegnade.

Corallina. Donca, come faralo?

Arlecchino. El s’ ha racomandà a mi, e mi bisognerà che veda de aiutarlo. (con aria)

Corallina. Donca a vu el ve confida tutto.

Arlecchino. Mi son el so segretari. El se confida con mi ; per- chè el sa che in materia de segretezza no gh’ è un par mio.

Ottavio. Come fareu mo a aiutarlo?

Arlecchino. Oh, qua sta el busilli ! Come faroio mo a aiutarlo ?

Corallina. Via, da bravo ; come fareu ?

Arlecchino. Feme grazia, vu sì donna de spirito; se hissi in tei cas che son mi, come f aressi ?

Corallina. Mi noi so in verità. ArL-ECCHINO. L’ è mo che noi so gnanca mi.

Corallina. Che el staga a casa?

Arlecchino. Noi poi.

Corallina. Perchè?

Arlecchino. Perchè ancù noi gh’ha da magnar.

Corallina. Che el vegna in spolverina.

Arlecchino. Oh giusto, e la nobiltà?

Corallina. Che el despegna una velada.

Arlecchino. Brava ! che el despegna una velada.

Corallina. Vedeu ? l’ avemo trovada.

Arlecchino. Sì ben, l’ avemo trovada. Che el despegna... Ma gh’è un’ altra difficoltà.

Corallina. Via mo?

Arlecchino. Noi gh’ha quattrini.

Corallina. Che l’ impegna qualcos’ altro.

Arlecchino. Oh, adesso m’ avi tocca dove me dol. Che l’ im-