Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/439

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Io pure, miserabile come sorìo, sospiro veder V aspetto di que- sta mia venerabile Protettrice, e renderle quelle grazie ch’io posso per l’onor massimo alle Opere mie recato, e benedire quel cuor magnanimo, che in mezzo alle mie afflizioni cotanto giubbilo mi ha procacciato.

Verrà quel giorno per me felice, che a’ piedi dell’E. V. gettandomi, e de’ miei casi la strana serie narrandole, vedrà quanto bisogno io abbia della di Lei magnanima protezione; e che quel- V amore che ha Ella per la sua Patria, e che io nutrisco per la medesima nel miglior modo che posso, non e lo stesso in tutti, e vi è pur troppo chi tenta deprimere il Cittadino e disonorarlo.

Ma fin che giunga quel dì, non darò io della umile mia riconoscenza alla benignità che ha per me l’È. V. una pub- blica attestazione ? Sì, darolla. Ma come ? In qual maniera le anime grandi si ricompensano de’ benefizi loro? Pregandole di nuove grazie, e loro prestando il modo di segnalarsi, beneficando.

Ecco dunque. Nobilissima Dama, che per avere Ella le mie Commedie della generosissima grazia sua onorate, una di esse alla di Lei protezione in modo particolarissimo raccomando, e col di Lei nome venerabile in fronte la mando al torchio.

Che se taluno me sì ardito credesse, che a titolo di dono offerirgliele io pretendessi, lo prego di me formare miglior con- cetto, assicurandosi che la infinita distanza so io conoscere dal me- rito dell’E. V. a quello delle Opere mie, e che soltanto per trarne gloria ed onore, ad una sì illustre Dama la raccomando.

La Moglie Saggia, che sotto gli auspizj dell’Eccellenza Vostra uscir deve alla luce, è costituita in tal grado di virtù op- pressa, che degna la rende di laude e di compassione, ma per l’un motivo e per l’altro recherà al di Lei cuore diletto e con- solazione. Per tre ragioni si rallegrano gli animi nelle comiche nelle tragiche Rappresentazioni; allora quando esaltar vedono quelle virtù, che in se medesimi sono sicuri di possedere ; quando puniti veggono i vizj, che son da loro abborriti; e quando dalle rappresentate disgrazie sicuri e fortunati si vedono.

Giustamente giudico io pertanto, che vaglia per tutte e tre