Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XII.djvu/181

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LE MASSERE 175

Zanetta. (Veggio menarli dove Meneghina m’aspetta). (da sè)

Vegnì con mi, patroni. Sarò la condottiera.
Zulian. Ma! no se poderave véderve un poco in ciera?
Zanetta. Cossa gh’alo paura, che sia una qualche arpia?
Che el varda; me cognosselo?
Zulian.  (Sior Biasio. Oh vita mia!)
Biasio. Me despiase che semo cussì senza bautta.
Gnese. N’importa, sior paron. (Se el la savesse tutta?)
Zanetta. Andemo. I galantomeni no i fa cosse in scondon.
(Quando no gh’è de meggio, anca un vecchio xe bon).
(parte)
Zulian. Chi mai l’avesse dito! Mo cossa che ho trovà!
Co sto boccon de anni! Mo son ben fortunà. (parte)
Gnese. Andemo, sior paron, la xe la mia zomada.
(Co a tempo! co pulito che ghe l’ho ben piantada).
Biasio. Se pol dormir seguri drento delle so porte.
Quando che se gh’ha in casa massere de sta sorte.

Fine dell’Atto Terzo.