Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1912, XV.djvu/296

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
288 ATTO PRIMO

Per proseguir col padre verso Milano il viaggio.

Bramo di divertirla, bramo col mezzo vostro
Far che prenda concetto miglior del cielo nostro.
E sono sicurissima, che averà Mantua in pregio,
Due cavalier trattando che han delle grazie il fregio.
Capitano. Ora scherzar vi piace, signora mia, lo vedo;
Atto a simile impresa alcun di noi non credo.
Il cavaliere Ascanio parlar suol con fatica;
Io parlo troppo, e male, nè so quel che mi dica.
E della città nostra con tal conversazione
Non può la Baronessa aver grand’opinione.
Cavaliere. Fate le scuse vostre, le mie le farò io;
Rimprovero non merta, se scarso è il parlar mio.
Non stracca e non inquieta un uom che parla poco,
E sono i parlatori noiosi in ogni loco.
Capitano. Che favellare è il vostro? (con isdegno)
Cavaliere.  Rispondo a chi promove.
(scaldandosi)
Contessa. Signori miei, pensate con chi voi siete, e dove:
In casa mia, vel dico, le risse io non sopporto.
Capitano. Ma il Cavalier m’insulta....
Contessa.  No, voi avete il torto.
Capitano. Contro di me congiurasi, e ho da soffrire ancora?...
Contessa. Basta così, vi dico. Chi è di là?
Martorino.  Mia signora.
Contessa. Va dalla Baronessa; dille che or or da lei
Passerò, se le aggrada, con questi amici miei.
Ma se il Baron vi fosse, padre della fanciulla,
Sospendi l’imbasciata, e non le dir più nulla.
Nelle conversazioni piace il parlare alterno,
Ma il baron Federico è un seccatore eterno.
Dal signore don Fabio va poscia immantinente,
Digli che di vederlo sono ormai impaziente;
Che son più di tre giorni, ch’io non lo vedo qua,
E che faremo i conti quando da me verrà.