Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/131

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Felice, Gh’avemo un interesse.

Lucietta. (No vorria dell’anello, che le se n’incorzesse.)
A far che le lo veda, l’ha fatto mal mia fia).
Marinetta. Via, se volè che andemo, mettemose alla via.
Bettina. Passemo dall’orese, e pò dove se va?
Marinetta. Nu saremo al caffè; ve aspetteremo là.
Felice. Le poi andar avanti.
Bettina Andemo, femo presto.
Lucietta. A qual caffè sarale?
Marinetta. All’insegna del cesto.
Lucietta. Ben ben, se catteremo (0.)
Bettina. (Gh’averia più piaser,)
Se invece de ste maschere ghe fusse el forestier).
(da sè, e parte)
Lucietta. Sentì, ve lo confido; a mia fla l’aneletto
Ghe l’ha dà el so novizzo, ghe l’ha dà Bortoletto.
Ma no voi che el se sappia, fin che no vien quel dì;
No voggio che se diga... Sioria, za me capì, (parte)

SCENA X.

Siora Marinetta e siora Felice.

Felice. Cessa disseu, che mare?

Marinetta. Che sia la verità?
Felice. Oh, ghe l’ha dà el foresto, quanto che mi son qua.
Marinetta. Se lo sa Bortoletto?
Felice. Diseme, cara vu,
Perchè co sti galani le feu vegnir con nu?
Marinetta. Per rider. Vegnì via, che ve dirò per strada
Quel che avemo da far.
(I) Ci troveremo.