Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/149

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Ferdinando. Non signora; par che mi dolga un dente.

Silvestra. Via, via, ghe passerà. Xelo ben sto caffè?
(mettendosi molto zucchero)
Nicolò. Lai senta.
Ferdinando. (Gran fortuna che oggi è toccata a me!)
Silvestra. Deme dell’altro zucchero; vegnì qua, caro fio. (a Nicolò)
Nicolò. Ancora? se col zuccaro mezz’ora l’ha bogio.
Silvestra. A mi me piase el dolce. E a eia? (a Ferdinando)
Ferdinando. Certamente.
Silvestra. Col caffè no xe dolce, noi me piase per gnente.
Oh caro sto dolcetto!
(succhiando lo zucchero in fondo della lazza)
Nicolò. (L’è vecchia co è la luna).
Me consolo con eia. (a Ferdinando)
Ferdinando. Di che?
Nicolò. De sta fortuna, (parte)
Ferdinando. Anche costui mi burla.
Silvestra. Vorla che andemo via?
Ferdinando. Vada pur.
Silvestra. No son degna della so compagnia?
Ferdinando. Ma! non è accompagnata?
Silvestra. Via, che el vegna con mi.
Co le putte ci vii no se tratta cussi.
Ferdinando. Dove destina andare?
Silvestra. A casa.
Ferdinando. Che diranno,
Se una putta sua pari col forastier vedranno?
Silvestra. Cossa vorla che i diga? Voi far quel che me par.
Nissun no me comanda, e son da maridar.
La me daga la man.
Ferdinando. (Godiam questa vecchietta).
Eccomi qui a servirla.
Silvestra. Cara quella grazietta! (partono)
Fine dell’ Atto Secondo.