Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/174

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Dove starà la vecchia feghe sto bel scherzetto,

Piegheghe el tovaggiol in forma de cèiiletto (’).
Con quel de la parona che xe con nu amorosa,
Formeghe un bel garofolo o un boccolo de riosa;
E a sta siora Felice, che gh’ha tanto morbin,
Feghe una bella cuna con drento un fantolin;
E a mi se la rason la vien a domandar,
Ghe dirò che voi dir che la vaga a scassar (2).
Felice. Chi ha d’andar a scassar?
Tonina. Mi no digo de ella.
Felice. M’imagino, patrona; la sarave ben bella,
Che con mi ve tolessi sta confidenza.
Tonina. Mi?
La pensa, se de ella parlerave cussi!
Felice. Dove xe Marinella?
Tonina. Mi no so in verità.
Felice. La tola xela all’ordene?
Tonina. Debotto è parecchia.
La diga; sior Zanetto vegniralo a disnar?
Felice. Sempre sto mio mano vel sento a menzonar.
Tonina. Co no la xe zelosa, no gh’importerà gnente.
Felice. L’ho dito e el tomo a dir, no ve gh’ho gnanca in mente.
Tonina. E pur, chi el sente elo, el sta con batticuor.
Co gh’ho dà da marenda, el gh’aveva timor.
Felice. Vu donca stamattina gh’ave dà da marenda?
Tonina. Mi ghe n’ ho dà; no credo che de mi la se offenda.
Felice. No, fia mia, de sle cosse mi no me togo pena.
Deghe pur da marenda, da disnar e da cena.
Mi no ghe vago drio, no gh’ho sta sinfonia;
Me basta de trovarlo, co tomo a casa mia.
E pò mi me confido, che noi xe tanto grezo;
Che se el vorrà scambiar, noi vorrà farlo in pezo.
Tonina. Mi son pezo de eia; l’intendo sto sermon.
Felice. Chi ha bona recchia, intende.
(I) Cataletto. (2) Vedi a pag. 155 n. I.