Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/177

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Felice. Oh oh Lucietta! Brava. Xela Bettina quella?

Bettina. Siora sì. (smascherandosi)
Felice. Mo co brava! Che bella ortolanella!
Marinetta. Aveu disnà?
Lucietta. Disnà? Vegno a disnar con vu.
Marinetta. Dasseno?
Lucietta. Sì dasseno.
Felice. Saremo in do de più.
Marinetta. (Le vien mo giusto ancuo, per intrigarme i bisi). (’)
Lucietta. Gh’ho una fame che inspirito; fè metter suso i risi.
Marinetta. Gh’ave fame? Stè fresca! No ghe xe squasi gnente.
Lucietta. No stè a far cerimonie, magnemo allegramente.
Bettina. Xe sta qua Bortoletto?
Marinetta. Sì ben, el ghe xe sta.
Felice. Gh’avemo dà da intender cento bestialità.
Bettina. De cossa?
Marinetta. Vien sior’ amia.
Felice. Zitto, zitto, tasemo.
Lasse pur che la vegna, voi che se la goderne.
Marinetta. (Gh’ho rabbia che le sappia che ghe xe qua el foresto.)
Bisognerà che pensa trovar qualche pretesto).

SCENA IV.

Silvestra e detti.

Silvestra. Son qua, che i metta in tola.

Marinetta. Oe, avvisè de là.
(ad un servitore)
Silvestra. Dove xe el forestier?
Felice. Oe, el forestier xe andà.
Silvestra. Cossa diseu?
Felice. Dasseno. El gh’aveva da far.
(I) « Per importunarmi ’; Cameroni. I. e. Biii, piselli.