Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/190

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Luca. Per diana che son qua.

(Si mettono in figura, e tutti mostrano piacere di vederli)
Silvestra. (Principia la riverenza, e Luca non ai move.)
Via, fè la reverenza.
Luca. Se no i sona gnancora.
Silvestra. Se ben sordo, fradello. I sona che xe un’ora.
Luca. Come?
Silvestra. Mo via, ballemo. (toma a mettersi in figura)
Luca. Che i sona un pochettin.
Mo i sona njolto a pian; gh’ali inseà el cantin? (’)
(fanno il minuetto)
Cossa diseu, patroni? Songio sta sempre in ton?
Chi sa cossa xe ballo, sa ballar senza son.
Marinetta. Andemo de là in camera a bever el caffè.
Felice. Sto vecchio noi vorressimo.
Marinetta. Poverazzo! perchè?
Felice. (Voggio che concludemo quel certo servizieto.)
E pò lo chiameremo). (a Marinetta)
Silvestra. Cossa parleu in segreto?
Felice. Sentì, femo cussi.
(parla nell’orecchio a tutti, e tutti mostrano di applaudire)
Marinetta. Sì, sì, el pensier xe bello.
Ferdinando. Non vorrei che dicessero....
Felice. Eh, ch’el prencipia elio.
Ferdinando. (5i accosta al signor Luca, lo riverisce, mostra di parlare e)
non parla; e Luca credendo che parli, e di non sentire, dice
come segue, interpolatamente.
Luca. Che son bon servitor. Come? No la capisso.
Sior sì, quel che la voi. Patron; la reverisso.
(Ferdinando parte salutandolo)
Silvestra. Oh, mi ghe vago drio; no mei lasso scampar.
Proprio no vedo l’ora, me sento a giubilar, (parte)
Marinetta. Vegno de là anca mi. (a Felice)
(I) « Gli hanno (orse spalmato di sego il cantino? »: Cameroni.)