Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/192

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Cossa distu? Più a forte. Par che ti parli in fià (’).

Tonina. (Mostra di arrabbiarsi, e parte ridendo.)
Luca. No ghe sento più gnente. Tonina s’ha instizzà.
Son sordo affatto affatto. Cossa mo se poi far?
No voi gnanca per questo andarme a sotterrar.
Cussi no sentirò dir mal dai servitori.
No podere la ose sentir dei creditori.
E se qualcun mia fia me vien a domandar,
Posso, co no ghe sento, la dota sparagnar, (parte)
Fine dell’Alto Quarto.
(I) « Sottovoce »; Cameroni. Fià, 6ato, alito.