Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/344

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Alla quiete, al riposo apritemi il cammino.

Ma no, fino ch’io viva, pianger dovrò il mio fato.
Pace trovar non spero, morirò disperato. (parte)

SCENA li.

Don Fernando, poi Prosdocimo.

Fernando. Favorisce il disegno la mia fortuna, il veggio;

Ma la prospera sorte forse sarà il mio peggio.
Non mi cai d’incontrare i precipizi un dì.
Bastami rivedere quel bel che mi ferì.
Prosdocimo. (Eccolo qui davvero. Troverò un’invenzione)
Per conseguir l’effetto della sua promissione).
Fernando. Prosdocimo, che rechi? Fabrizio hai ritrovato?
Prosdocimo. Zitto, nessun ci senta.
Fernando. Cosa fu?
Prosdocimo. L’ho ammazzato.
Fernando. Bravo; ad un’altra impresa destino il tuo valore.
Hai da uccidere un altro.
Prosdocimo. Un altro? Sì signore.
Come ho ammazzato quello, ne ammazzerò anche cento.
Datemi i sei zecchini. (Di perderli pavento).
Fernando. Dimmi, come facesti ad eseguir l’impresa?
Prosdocimo. Lo trovai ch’era solo; promossi una contesa.
Col mio solito caldo la rissa ho provocata.
Egli rispose ardito, gli diedi una guanciata.
Tosto si venne all’armi; Io stesi in sulla strada;
L ammazzai sul momento.
Fernando. Ma dov’ è la tua spada?
Prosdocimo. La spada mia... gli diedi colpo sì maladetto, (0)
Che restò fino al manico di quel meschino in petto.
(I) Così l’ed. Pitteri. Nelle edd. Guibert-Orgeas, Zatla e altre leggesi: gli diedi un
colpo maledetto.