Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/177

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

UNA DELLE ULTIME SERE DI CARNOVALE 167

Zamaria. Vegnì qua, sentì. No poderessi, fin che stè via, mandarme dei dessegni da dove che sè?

Anzoletto. Perchè no? Se ve compiasessi de comandarme, e se ve fidessi de mi, ve servirave con tutto el cuor.

Zamaria. Sior sì; mandeghene, e non ve dubitè.

Anzoletto. Ghe ne manderò.

Zamaria. V’impegneu?

Anzoletto. M’impegno.

Zamaria. Me prometteu?

Anzoletto. Ve prometto.

Zamaria. Vardè ben, che sulla vostra parola torrò l’impegno coi mii aventori.

Anzoletto. Gh’ho tanto respetto e tante obbligazion coi aventori de sta bottega, che sarà ve un ingrato se trascurasse de corrisponder alle finezze che i m’ha praticà. Se vu disè dasseno; se volè, se ve preme, anca mi v’assicuro, no mancherò.

Zamaria. Bravo, son contento; me fido de vu. No parlemo altro. Devertimose, godemose m bona pase. Oe, zente, dove seu? Animo, vegnì de qua.

SCENA II.
Tutti.

Momolo. Son qua, paron, comandè.

Zamaria. E vu prima de tutti.

Momolo. Son1 qua mi; capo de ballo mi.

Zamaria. Adesso no se balla. Se ballerà dopo cena. Che ora xe?

Momolo. No so; ho lassa el reloggio dal reloggier.

Marta. Xe tre ore, sior Zamaria.

Zamaria. Tre e do cinque. A cinqu’ore anderemo a cena. Via intanto, che i fazza qualcossa, che i se deverta. Presto, carte, luse, taolini. (verso la scena)

Domenica. (Gh’ho altra voggia mi, che zogar). (da sè)

  1. Ed. Pasquali: So.