Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/26

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



Pasqua. No ti senti che boccon de sirocco?

Orsetta. Xelo bon da vegnire de sottovento (a )?

Pasqua. Sì ben, sì ben. Se i vien i nostri omeni, i gh’ha el vento in poppe.

Libera. Ancuo o doman i doverave vegnire.

Checca. Oh! bisogna donca che spessega (b) a laorare: avanti che i vegna, lo vorave fenire sto merlo.

Lucietta. Di’, Checca: quanto te n’amanca a fenire?

Checca. Oh! me n’amanca un brazzo.

Libera. Ti laori molto puoco, fia mia. (a Checca)

Checca. Oh! quanto xe che gh’ho sto merlo su sto balon (e)?

Libera. Una settemana.

Checca. Ben (d)! una settemana?

Libera. Destrìghete (e), se ti vuol la carpetta (/).

Lucietta. Oe, Checca, che carpetta te fastu?

Checca. Una carpetta niova de caliman (’).

Lucietta. Dasseno? Te mettistu in donzelon (g)?

Checca. In donzelon? No so miga cossa che voggia dire.

Orsetta. Oh che pandola (/i)! No ti sa che co una putta xe granda, se ghe fa el donzelon; e che co la gh’ha el donzelon, xe segno che i soi (i) i la vuol mandare?

Checca. Oe, sorella! (a Libera)

Libera. Fia mia.

Checca. Me voleu mandare?

Libera. Aspetta che vegna mio mario.

Checca. Donna Pasqua, mio cugnà Fortunato no xelo andà a pescare co paron Toni? (a) Chiamano sotlovenlo tutto quel litorale, che tiene da Chiozza sino in Ancona, citta papale, (b) Ch’io solleciti, (e) Cuscino. (J) Oh! cosa dite? (e) Spicciati. (/) Gonnella, (g) Dicesi che una figlia è in donzelon, quando è in età da marito, e si veste con qualche differenza da quelle che non lo sono. (A) Sciocca, (i) Cioè i suoi genitori o parenti. (I) « Calmano, drappo che ha del rapporto a ciò che chiamavaii una volta Rato d’Utrecht, che si fabbrica nel Brabanle e in Fiandra ecc. ’i: Diz.’" dì commercio Jet ilgn»rt fratelli Sauar)) ecc., prima ed. ila!., Venezia, Pasquali, t. I, 1770.