Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/40

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



VlCENZO. Me par de sì, che la ghe fusse anca eia.

Titta Nane. Sia maledìo! Giera là sotto prova a stivare el pesse: no ho gnanca podesto vegnire in terra. VlCENZO. Oh che caro Titta Nane! Aveu paura de no vederla la vostra novizza?

Titta Nane. Se savessi! Muoro de voggia.

Fortunato. Parò Izenzo. (parla presto, e chiama paron Vicenza) VlCENZO. Coss’è, paron Fortunato?

Fortunato. Questo xe otto (a) pesse. Quato (i) cai foggi, do ceii baboni, sie, sie, sie boseghe, e un cao baccole (e). VlCENZO. Cossa?

Fortunato. E un cao baccole. VlCENZO. No v’intendo miga.

Fortunato. No intende? Quattro cai de sfoggi, do cai de bar- boni, sie boseghe, e un cao de baracole. VlCENZO. (El parla in t’una certa maniera...).

Fortunato. Mandè a casa e pesse, vegniò pò mi a toC) i bezzi. VlCENZO. Missier sì, co volè i vostri bezzi, vegnì, che i sarà parecchiai.

Fortunato. Na pesa abacco. VlCENZO. Come?

Fortunato. Tabacco, tabacco. VlCENZO. Ho capìo. Volentiera. (gli dà tabacco)

Fortunato. Ho perso a scattoa in mare, e in tartana gh’è puo- chi e to tabacco. A Senegaggia e n’ho comprao un puoco; ma no xe e nostro da Chioza. Tabacco, tabacco de Sene- gaggia, e tabacco, e pare balini chioppo (2). VlCENZO. Compatime, paron Fortunato, mi no v’intendo una ma- ledetta.

Fortunato. Oh bella, bella, bella! no intende? Bella! no parlo mia foeto (3), parlo chiozzotto, parlo. (a) Il vostro, (h) Quattro, (e) Baracole. Pesce più picciolo della razza, ma della stessa specie. (1) Verrò poi io a prendere ecc. (2) Sembrano pallini da schioppo. (3) Foresto.