Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/70

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



Checca. (Oh sorella! Che bel esame che ho fatto! Te conterò) tutto). (a Orsetta, e parte)

Isidoro. Vegnì qua, sentève.

Orsetta. Sior sì. (siede con franchezza)

Isidoro. (Oh, la xe più franca custìa!) Cossa gh’aveu nome?

Orsetta. Orsetta Schiantina.

Isidoro. Detta?

Orsetta. Coss’è sto detta?

Isidoro. Gh’aveu soranome?

Orsetta. Che soranome vorlo che gh’abbia?

Isidoro. No ve diseli de soranome Meggiotto?

Orsetta. In veritae, lustrissimo, che se no fusse dove che son, ghe vorave pettenare quella perucca(a).

Isidoro. Oe, parie con rispetto.

Orsetta. Cossa xe sto Meggiotto? I meggiotti a Chiozza xe fatti coi semolei e colla farina zala; e mi no son né zala, né del color dei meggiotti.

Isidoro. Via, no ve scaldé, patrona, che questo no xe logo da far ste scene. Respondéme a mi. Saveu la causa per la qual sé vegnua a esaminarve?

Orsetta. Sior no.

Isidoro. Ve lo podeu immaginar?

Orsetta. Sior no.

Isidoro. Saveu gnente de una certa baruffa?

Orsetta. So, e no so.

Isidoro. Via, contéme quel che savè.

Orsetta. Che el me interroga, che responderò.

Isidoro. (Custìa xe de quelle che fa deventar matti i poveri co-) gitori). Conosseu Toffolo Zavatta?

Orsetta. Sior no.

Isidoro. Toffolo Marmottina?

Orsetta. Sior sì.

Isidoro. Saveu che nissun ghe volesse dar?

Orsetta. Mi no posso saver che intenzion che gh’abbia la zente. (a) Cioè vorrebbe stracciargli la parrucca, per vendicarsi del soprannome.