Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/78

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



Me pare sempre d’aver i zaffi alla schina (a). Zitto, zitto, che vie (i) Orsetta. Vie, vie (e), che te voggio giustare.

SCENA II.

Libera, Orsetta e Checca col ninzoletio sulle spalle, e detto.

Libera. Beppe! (amorosamente)

Orsetta. EI mio caro Beppe!

Beppo. In malora, ia (d)\

Orsetta. Con chi la gh’astu?

Libera. A chi in malora?

Beppo. In malora quante che sé.

Checca. Vaghe ti in malorzega (e). (a Beppo)

Orsetta. (A Checca) Cossa t’avemio fatto? (a Beppo)

Beppo. Ti sarà contenta, anderò in preson; ma avanti ch’a ghe vaghe...

Orsetta. No, no t’indubitare. No sarà gnente.

Libera. Paron Vicenzo r ha dito cussi ch’a no se stemo a tra- vaggiare, che la cossa sarà giusta.

Checca. E pò gh’avemo per nu el cogitore.

Orsetta. Se può savere con chi ti la gh’ha almanco?

Beppo. Con ti la gh’ho.

Orsetta. Co mi?

Beppo. Sì, con ti.

Orsetta. Cossa t’oggio fatto?

Beppo. Cossa te vastu a impazzare co.Marmottina? Perchè ghe parlistu? Per cossa te vienlo a cattare?

Orsetta. Mi?

Beppo. Ti.

Orsetta. Chi te l’ha dito?

Beppo. Mia cugnà e mia sorella me l’ha dito.

Orsetta. Busiare!

Libera. Busiare! (a) Schiena. (6) Viene, (e) Vieni, vieni, (d) Via. (e) Lo stesso che in malora, detto più modestamente.