Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/407

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CHI LA FA L'ASPETTA 401

Gasparo. Siora no, aspettarne.

Tonina. E se no vegnissi? (prende la chiave del tavolino)

Gasparo. Aspettème, e lasse là quella chiave. (con forza)

Tonina. No gh’aveu la vostra?

Gasparo. Siora sì, ma veggio aver sto gusto de vegnirve a levar.

Tonina. Ben, v’aspetterò.

Gasparo. Siora no; so chi se; se capace da vegnir via; vôi esser seguro de trovarve da vostra mare, e lassè là quella chiave.

Tonina. De dia! Se deventà1 una bestia, un satiro; no ve cognosso debotto più. (getta la chiave in terra)

Gasparo. Me fe da rider in verità.

Tonina. Andemo, andemo, che debotto... (s’incammina verso la porta)

Riosa. (Uh se el gh’avesse cuor!)

Gasparo. Andeu via con questa?

Tonina. Se no me podè soffrir, disemelo.

Gasparo. Via matta. (dolcemente)

Tonina. No m’avè mo gnanca trovà in t’un gattolo2.

Gasparo. E tutte ste cosse, perchè son andà via senza desmissiarla.

Tonina. Perchè... perchè... no me volè ben.

Gasparo. De qua la zattaa.

Tonina. Cossa songio, una gatta? (gli dà la mano)

Gasparo. Cinque e cinque dieseb.

Tonina. E l’amor?

Gasparo. No gh’è vanti.

Tonina. E l’amor ve va zozo per i calcagni3.

Gasparo. Ah muso d’oro veh!

Tonina. Ah tocco de baron. Stassera faremo i conti. (parte)

Riosa. Oh che stomeghezzi! no li posso proprio soffrir. (parte)

  1. Zampa, e scherzosamente per mano.
  2. Cinque e cinque diese, e l’amor passa el vanto, maniera scherzevole ed usitata dai Veneziani quando prendono e danno la mano a persona di confidenza; perciò Tonino dice, e l’amor... e Gasparo risponde, no gh’è vanti, perchè Tonina non avendo i guanti, non può dire: E l’amor passa el vanto, cioè il guanto.
  1. Anche qui è stampato diventà.
  2. Rigagnolo, fosso, smaltitoio: v. Patriarchi e Boerio; e v. Goldoni stesso, vol. XVIII, p. 85, n. c.
  3. Se ne va: v. Patriarchi alla voce calcagno. Il Boerio spiega "viene a noia’. Vedi il Goldoni stesso, vol. VIII, p. 153, n. a.