Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/478

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Lucietta. Farò quel poco che so. (Finito il minuetto, tulli applaudiscono. Zanetto si pavoneggia.)

Lissandro. Animo, una furlana, (prende Lucietta. Sonatori suonano,) Lissandro e Lucietta ballano la furlana.

SCENA ULTIMA.

Tutti. Cecilia avanti, poi si vedono Cattina e Bortolo che si ten- gono per mano, e Cattina 5/ asciuga gli occhi col fazzoletto ; ultimo viene RAIMONDO.

Cecilia. Bravi, bravi. Evviva chi balla... Cossa fastu qua ti ? (a Lucietta)

Lucietta. E1 xe vegnù a torme, el m’ ha dito che la lo saveva. (a Cecilia, mortificala)

Cecilia. Chi v’ ha dà sta libertà, sior, che andè a casa da mi e che mene con vu la mia serva ? (a Zanetto)

Zanetto. Se l’ho fatto, l’ho fatto con le mie razon^’’. Dov’ èlo sior Raimondo ?

Raimondo. A son qua mi, per obbedirla.

Zanetto. E la crede che mi sia maridà ?

Raimondo. Un galantom ne doverav (^^ mentir.)

Zanetto. La gh’ ha rason, ma no xe vero gnente.

Tonina. Oh che zavaggi (a). Oh che polacchi (^) ! E ella, siora Cecilia, perchè lassela che so mario tegna per man co sta confidenza la fìa de sior Raimondo ?

Cecilia. Vorla saver el perchè ? Perchè sior Bortolo ancuo xe sta mio mario, e doman el sarà mario de siora Cattina.

Tonina. Com’ èlo sto negozio ? (con allegria)

Zanetto. No xe vero gnente, no i sa cossa che i se diga. E mi son qua per domandarghela a sior Raimondo. (a) Imbrogli. (I) Nell’ed. Zatta qui è più sotto è stampalo rason. (2) In dialetto bolognese: an etereo. (3) Polacctiio propriamente significa imhrallo : v. Patriarchi e Boerio.