Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/75

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

GLI AMORI DI ZELINDA E LINDORO 69


ATTO TERZO.
SCENA PRIMA.

Strada con veduta del fiume Ticino, alberi, e case, e varie barche sul fiume. Da una parte vicino al fiume un corpo di guardia con soldati e una sentinella.

Zelinda, Lindoro, tutti due melanconici, senza parlare, si guardano e sospirano.


Lindoro. Povera la mia Zelinda!

Zelinda. Ah Lindoro, cosa sarà di noi?

Lindoro. Il cielo ci provvederà.

Zelinda. Eccoci qui, senza ricovero, senz’appoggio.

Lindoro. E senza il modo di sostenerci.

Zelinda. Se potessi ricuperar la mia roba! Nel mio baule vi è del danaro.