Pagina:Gozzi - La Marfisa bizzarra.djvu/18

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
8 la marfisa bizzarra

tale dipinti particolarmente al vivo. Si sa quanta forza abbia la presunzione dell’infallibilitá negli uomini, e quanto diligenti sieno i nimici ad assecondare un’opinione che può riuscire in odiositá a una lìbera penna. I disseminati discorsi de’ falsi indovini mi parsero perniziosi e indiscreti. La mia vena innocente, che cercava solo di spassarsi nel partorir le immagini delle quali si era impregnata sulla lettura del suo Turpino e in una taciturna e universalissima osservazione sugli uomini, ebbe alquanta stizza. Troncai ’l corso all’opera e la chiusi a sette chiavi, sdegnando che dall’amore che ho per il prossimo me ne venisse dell’odio, e che fosse cambiato in veleno un elisire ch’io, forse accecato da troppo orgoglio, giudicava non disutile alla societá.

Nel tempo in cui scrissi gli accennati primi dieci canti, bolliva una controversia un po’ troppo arditamente giocosa intorno alla maniera di ben iscrivere e al buon gusto poetico del comporre. Paleserò, s’è necessario, che Marco e Matteo dal piano di San Michele — due paladini che si vedono dipinti nel poema — rappresentano due scrittori, che in quella stagione s’erano dichiarati, coll’alleanza d’alcuni altri scrittorelli, con soverchia animositá contro a’ buoni scrittori antichi e contra chi difendeva l’invulnerabile fama di quelli. Coleste due creature, dipinte precisamente, hanno data la spinta a far giudicare con sciocchezza e falsitá di tutte l’altre persone che campeggiano nel poema. Vorrei ben oggi poter troncare, senza rompere alcune necessarie connessioni all’opera e senza che potessero uscire quelle brutte parole «il libro è castrato», tutto ciò che attiene a’ que’ due paladini, ch’io tengo per amici ad onta delle loro collere; prima perché non è mio costume il prendere di mira persone in particolare, e poscia perché riescono scipite e tediose tutte le scritture di critica e di derisione fuori della circostanza in cui un pubblico è in quella interessato. Il tempo solo decide del merito di ciò che si scrive, e non avendo io nessun merito per sperare dal tempo immortalitá, sieno certi i due paladini Marco e Matteo, e gli alleati, della loro vendetta. Quanto agli altri oggetti fatti sospettosi dagl’indovini e dalla malizia, se useranno l’indulgenza di non credermi capace di