Pagina:Gozzi - Memorie Inutili, vol 2, 1910 - BEIC 1838429.djvu/270

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
264 memorie inutili

voi semplicemente una «madama Santina». Voglio altresí credere che il pelago de’ vostri permessi piaceri non v’abbiano distratto dai doveri del vostro uffizio, quantunque si legga nella vostra Narrazione che aveste de’ caldi rimproveri su questo punto, quando perduto ne’ vostri deliziosi viaggi per Roma, per Napoli, per la Toscana, per la Germania, viaggi utilissimi alle vostre finanze e alla dote di madama Santina, vi fecero tardare nell’essere al «vostro uffizio».

Ma non importa. I viaggi erano necessari a’ vostri «piaceri permessi che voi non pesate sulla stadera degli avari», e poi i tempi, e gli accidenti, e gli uomini indiscreti, e gli uomini ingiusti, e gli uomini invidiosi... Breve, secondo voi il torto è sempre di tutto e di tutti, e la ragione è sempre dal canto vostro.

Chi mai vi disse che la morale piú fortunata in Venezia è una «falsa morale e una sudicia impostura», e che questa morale vi volesse «alieno da’ piaceri, dimesso ne’ vestiti, milenso ne’ circoli»? Tutta l’uva che non esce dalla vostra vigna è cimiciatola.

Quegl’innumerabili saggi dell’ordine vostro, che da tanti secoli passarono dalle magistrature alle secretarie del collegio e del senato, alle residenze, a’ spinosi uffizi de’ tribunali Eccelso e Supremo, e quindi all’alto grado di gran cancellieri di questa repubblica, ebbero dunque per guida «una falsa morale», «una sudicia impostura», «un’alienazione da’ permessi piaceri», «una dimissione ne’ vestiti», «la stadera degli avari», «la scimunitaggine ne’ circoli»?

Povero libero muratore sofista dicervellato! vi compiango. Sono certo che l’amico mio dottissimo e prudentissimo, Natale dalle Laste, che voi vantate d’aver avuto precettore, v’ha insegnato a pensare diversamente, con inutilitá per vostra sciagura.

Assegnato «in piú che convenienti misure un stato comodo e decoroso alla moglie, non restandovi alcun altro immaginabile dovere di famiglia — dite voi, — voleste godere pubblicamente spettacoli, giuochi, conviti, mode, bel sesso, donare, spendere il vostro in allegro vivere, senza pesare sulla stadera degli avari il prezzo de’ vostri permessi piaceri».