Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/467

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


460 V QUADERNO 4 (xill) mento del gruppo sociale che aveva interesse a rompere l’equilibrio e di fatto lo ruppe, ma avvenne per un conflitto di carattere superiore, per «prestigio» di gruppo, in un certo senso, per esasperazione del sentimento di indipendenza del proprio gruppo ecc. Insomma la qui¬ stione particolare del malessere o benessere come causa di rotture es¬ senziali nell’equilibrio storico è un aspetto parziale della quistione dei «rapporti di forza» nei vari gradi. Può avvenire rottura sia perché una situazione di benessere è minacciata come perché il malessere è diventato intollerabile e non si vede nella vecchia società nessuna for¬ za che sia capace di mitigarlo; per cui si può dire che questi elementi appartengono alle « fluttuazioni occasionali » delle situazioni, nel cui terreno il rapporto sociale di forze diventa rapporto politico di forza per culminare nel rapporto militare decisivo. Se manca questo pro¬ cesso di sviluppo da un momento all’altro nel rapporto di forze, la situazione rimane inoperosa e possono darsi conclusioni varie: la vit¬ toria della vecchia società che si assicura un periodo di « respiro » di¬ struggendo fisicamente l’élite avversaria e terrorizzando la riserva, op¬ pure anche la distruzione reciproca delle forze in conflitto con l’in¬ staurazione della pace dei cimiteri sotto la custodia di una sentinella straniera7. Legata a questa quistione generale è la quistione del così detto «economismo» che assume diverse forme e ha diverse manifestazioni concrete. Rientra nella categoria dell’economismo tanto il movimento teorico del libero scambio come il sindacalismo teorico. Il significato di queste due tendenze è molto diverso. Il primo è proprio di un rag¬ gruppamento dominante, il secondo di un raggruppamento | subal¬ terno. Nel primo caso si specula incoscientemente (per un errore teo¬ rico di cui non è difficile identificare il sofisma) sulla distinzione tra società politica e società civile e si afferma che l’attività economica è propria della società civile e la società politica non deve intervenire nella sua regolamentazione. Ma in realtà questa distinzione è pura¬ mente metodica, non organica e nella concreta vita storica società po¬ litica e società civile sono una stessa cosa. D’altronde anche il liberi¬ smo deve essere introdotto per legge, per intervento cioè del potere politico: è un fatto di volontà, non l’espressione spontanea, automa¬ tica del fatto economico. Diverso è il caso del sindacalismo teorico, in quanto esso si riferisce a un raggruppamento subalterno, al quale con questa teoria si impedisce di diventare mai dominante, di uscire dalla fase economico-corporativa per elevarsi alla fase di egemonia politico- intellettuale nella società civile e diventare dominante nella società politica. Nel caso del liberismo teorico si ha il caso di una frazione del raggruppamento dominante che vuole modificare la società politica, che vuole riformare la legislazione esistente nella parte di politica commerciale e indirettamente industriale (è innegabile che il prote¬ zionismo, specialmente nei paesi a mercato povero e ristretto, limita, almeno parzialmente, la libertà di iniziativa industriale e favorisce morbosamente il nascere dei monopoli); la quistione è di rotazione al potere governativo di una frazione invece che di un’altra del raggrup¬ pamento dominante, non di fondazione e organizzazione di una nuo¬