Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/546

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


i § ( i ). Cattolici integrali, gesuiti, modernisti. « I cattolici integra- i li » ebbero una certa fortuna durante il papato di Pio X. Rappresen¬ tavano una tendenza europea del cattolicismo, ma naturalmente fu¬ rono più diffusi in certi paesi (Italia, Francia, Belgio; nel Belgio, du¬ rante l’invasione, i tedeschi trovarono e pubblicarono una certa quan¬ tità di documenti degli «integrali» i quali avevano costituito una spe¬ cie di società segreta, con cifre, fiduciari, pubblicazioni clandestine ecc.; a capo del movimento era monsignor Umberto Benigni e una parte dell’organizzazione era costituita dal «Sodalitium Pianum» - « Pianum » da Pio, che poi non era neanche Pio X, mi pare, ma un al¬ tro papa ancor più intransigente) *. Monsignor Benigni, i cui rapporti attuali con la Chiesa mi sono ignoti, ha scritto un’opera di ampiezza colossale, La Storia sociale della Chiesa, di cui sono usciti 4 volumi di oltre 600 pp, l’uno, in gran formato presso l’editore Hoepli2. Gli in¬ tegrali appoggiavano in Francia il movimento dèli*Action Française, erano contro il Sillon e contro ogni modernismo politico dei cattolici, oltre che contro ogni modernismo religioso. Di fronte ai gesuiti pren¬ devano un atteggiamento di carattere «giansenistico», cioè di grande rigore morale e religioso, contro ogni lassismo, opportunismo o cen¬ trismo. I gesuiti naturalmente li accusarono di giansenismo e, ancor di più, li accusarono di fare il gioco dei modernisti: i°) per la loro lotta contro i gesuiti; 20) perché allargavano talmente il concetto di moder¬ nismo e quindi ampliavano talmente il bersaglio, da permettere ai modernisti un campo di manovra comodissimo. Di fatto poi avveniva che nella loro comune lotta contro i gesuiti, integrali e modernisti si trovassero obbiettivamente nello stesso terreno e magari collaborasse- ro effettivamente tra loro. Cosa rimane oggi dei modernisti e degli integrali? È difficile iden¬ tificare la loro forza oggettiva nella Chiesa ma certamente essi sono «fermenti» che continuano ad operare, in quanto rappresentano la 1 bis lotta contro i gesuiti e il loro strapotere, lotta condotta da elementi di destra e da elementi di sinistra. A queste forze interne alla Chiesa conviene avere questi due centri «esterni», con pubblicazioni perio¬ diche e edizioni di opuscoli e di libri; tra questi centri e quelle forze esistono collegamenti clandestini che diventano il canale delle ire, del¬ le denunzie, dei pettegolezzi e tengono sempre viva la lotta contro i gesuiti. Ciò dimostra che la forza coesiva della Chiesa è minore di ciò che si pensa: specialmente la lotta contro il modernismo ha demora-