Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/603

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


59 6 QUADERNO 5 (ix) Scrittori d’Italia dalle origini fino ai viventi in ordine al¬ fabetico (secondo l’articolo della «Civiltà Cattolica» del 2 marzo 1929 da cui tolgo queste notizie, sono comparsi fi¬ nora quelli delle lettere A-B); ha scritto un volume di Saggi di libri letterari condannati dall’Indice. Nel dizionario degli Scrittori cattolici italiani viventi ne sono registrati | 591. Alcuni non risposero all’appello; il Ca¬ sati, nel caso di scrittori che pubblicano libri presso librerie non cattoliche, ne ha interpretato il silenzio «come tacita preghiera di non farli figurare nel dizionario». Bisognerebbe vedere perché sono stati richiesti: perché «battezzati» o perché nei loro libri appariva un carattere strettamente e confessatamente «cattolico»? Dice la «Civiltà Cattolica» che nel Dizionario mancano, per esempio, Gaetano De Sanc- tis, Pietro Fedele e «non pochi altri professori d’Università e scrittori di vaglia». Il De Sanctis è certamente uno scrit¬ tore «cattolico», volutamente, confessatamente cattolico: ma Pietro Fedele? Lo sarà diventato negli ultimi anni; non 10 fu certamente almeno fino al 1924. Appare dunque che 11 criterio nel fissare la «cattolicità» non è stato molto rigo¬ roso e che si è voluto confondere tra «cattolici» scrittori e scrittori «cattolici». Nel Dizionario non sono inclusi i giornalisti e pubblicisti che non hanno pubblicato qualche libro: così non appare il conte Della Torre, direttore dell’«Osservatore Romano» e il Calligari (Mikros) direttore dell*«Unità Cattolica» (mor-* to recentemente). Alcuni si scusano «per modestia». Chi sono i «convertiti» compresi nel Dizionario? (Tipi: Papini, Giuliotti, Mignosi, ecc.). Dice la «Civiltà Cattoli¬ ca»: «Dalla guerra in qua si nota un certo ridestarsi della coscienza religiosa negli scrittori contemporanei, un interes¬ samento insolito per i problemi religiosi, un orientarsi più di frequente verso la Chiesa Cattolica, al quale (orientarsi) avranno certamente non poco contribuito i convertiti com¬ presi nel dizionario del Casati». Dei 591 scrittori cattolici italiani viventi, 374 («salvo errore», scrive la «Civiltà Cattolica») sono uomini di Chie¬ sa, sacerdoti e religiosi, tra cui tre cardinali, nove vescovi, 1930-1932: (