Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/641

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


634 QUADERNO 5 (ix) nuova civiltà americana cosciente delle sue forze e delle sue debolezze: gli intellettuali si staccano dalla classe dominan¬ te per unirsi a lei più intimamente, per essere una vera su- perstruttura, e non solo un elemento inorganico e indistinto della struttura-corporazione. Gli intellettuali europei hanno già in parte perduto que¬ sta funzione: non rappresentano più l’autocoscienza cultu¬ rale, l'autocritica della classe dominante; sono ridiventati agenti immediati della classe dominante, oppure se ne sono completamente staccati, costituendo una casta a sé, senza radici nella vita nazionale popolare. Essi ridono di Babbitt, si divertono della sua mediocrità, della sua ingenua stupi¬ daggine, del suo modo di pensare a serie, della sua mentali¬ tà standardizzata. Non si pongono neanche il problema: esi¬ stono in Europa dei Babbitt? La quistione è che in Europa il piccolo borghese standardizzato esiste, ma la sua standar¬ dizzazione invece di essere nazionale (e di una grande nazio- 52 bis ne come gli Stati Uniti) è regionale, è | locale. I Babbitt eu¬ ropei sono di una gradazione storica inferiore a quella del Babbitt americano: sono una debolezza nazionale, mentre l'americano è una forza nazionale; sono più pittoreschi ma più stupidi e più ridicoli; il loro conformismo è intorno a una superstizione imputridita e debilitante, mentre il con¬ formismo di Babbitt è ingenuo e spontaneo, intorno a una superstizione energetica e progressiva. Per il Linati, Babbitt è «il prototipo delPindustriale americano moderno», men¬ tre invece Babbitt è un piccolo borghese e la sua mania più tipica è quella di entrare in famigliarità con gli «industriali moderni», di essere un loro pari, di sfoggiare la loro «supe¬ riorità» morale e sociale. L'industriale moderno è il model¬ lo da raggiungere, il tipo sociale a cui conformarsi, mentre per il Babbitt europeo il modello e il tipo sono dati dal ca¬ nonico della cattedrale, dal nobilastro di provincia, dal capo sezione del Ministero. È da notare questa acritica degli in¬ tellettuali europei: il Siegfrid, nella prefazione al suo libro sugli Stati Uniti, contrappone all’operaio taylorizzato ame¬ ricano Partigiano delPindustria di lusso parigino4, come se questo fosse il tipo diffuso del lavoratore; gli intellettuali europei in genere pensano che Babbitt sia un tipo puramen- 1930-1932: (