Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, II.djvu/163

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


838 QUADERNO 6 (vili) § ( 197). Gli intellettuali. Alla Università di Madrid, Eugenio D’Ors sta ( 1931 ) svolgendo un largo corso di con¬ ferenze su La scienza e la storia della Cultura che, da alcu¬ ni cenni pubblicati nelle «Nouvelles Littéraires» del 31 ot¬ tobre 1931 pare debba essere una [enorme] sociologia del fatto culturale o della civiltà. Il corso sarà pubblicato in vo¬ lumi, certamente1. § ( 198 ). Passato e presente. «Sollecitare i testi». Cioè 74 bis far dire ai testi, per amor di tesi, più di quanto i | testi real¬ mente dicono. Questo errore di metodo filologico si verifica anche all'infuori della filologia, in tutte le analisi e gli esa¬ mi delle manifestazioni di vita. Corrisponde, nel diritto pe¬ nale, a vendere a meno peso e di differente qualità da quelli pattuiti, ma non è ritenuto crimine, a meno che non sia pa¬ lese la volontà di ingannare: ma la trascuratezza e l’incom¬ petenza non meritano sanzione, almeno una sanzione intel¬ lettuale e morale se non giudiziaria? § ( 199 ). Risorgimento. La Costituzione spagnola del 12. Perché i primi liberali italiani (nel 21e dopo) scelsero la co¬ stituzione spagnola come loro rivendicazione? Si trattò so¬ lamente di un fenomeno di mimetismo e quindi di primiti¬ vità politica? O di un fenomeno di pigrizia mentale? Senza trascurare completamente l’influenza di questi elementi, espressione della immaturità politica e intellettuale e quin¬ di dell’astrattismo dei ceti dirigenti della borghesia italiana, occorre non cadere nel giudizio superficiale che tutte le isti¬ tuzioni italiane siano importate dall’estero meccanicamente e sovrapposte a un contenuto nazionale refrattario. Intanto occorre distinguere tra Italia meridionale e il resto d’Italia: la rivendicazione della Carta Spagnola nasce nelPItalia me¬ ridionale ed è ripresa in altre parti d’Italia per la funzione che ebbero i profughi napoletani nel resto d’Italia dopo la caduta della Repubblica partenopea. Ora le necessità poli¬ tico-sociali dell’Italia meridionale erano davvero molto di-