Pagina:Grew - Lo sviluppo di un pianeta, 1914.djvu/128

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


to6 Lo sviluppo di un pianeta Terra costrutta su questi principi ci si presenta come una Terra in cui, quando la temperatura del globo gazeo-liquefatto fu sufficientemente scemata al centro, ebbe luogo ivi la solidificazione delle roccie fuse ; ed in cui una consimile solidificazione ebbe luogo a pro¬ fondità minori successivamente, via via che vi erano raggiunte temperature convenienti ed ancora più basse. Una conseguenza della massima importanza, circa questa veduta, se essa fosse quella vera, sarebbe che il raffreddamento ed il ristringimento avrebbero azione sulla parte interna profonda della Terra, poiché si sup¬ pone che l’alto calore centrale debba trasmettersi con¬ tinuamente dall’interno verso la superfìcie esterna. Quindi invece di una zona restringentesi e contraentesi di qualche 200 miglia di profondità (Km. 320 circa), noi avremmo una fascia di raffreddamento e di ri¬ stringimento forse di 2000 miglia (3200 Km.) e forse anche di più, di spessore. Parte III. Distribuzione di calore. Facciamo adesso ritorno alla distribuzione teorica del calore nell’interno della Terra colla presunzione che la Terra s’accresca per la continua addizione di planetismari al suo nocciolo centrale. Il calore in questo caso s’eleverebbe secondo che il numero cre¬ scente di addizioni al nocciolo avesse cagionato com¬ pressione al centro. Altrettanto quanto durasse la com¬ pressione il calore continuerebbe ad elevarsi al centro — per altrettanto tempo cioè, per quanto il calore che sarebbe generato dalla compressione fosse più grande di quello che sarebbe perduto col trasmettersi all’infuori attraverso alla superficie. Il calore si trasmette molto lentamente attraverso le roccie, cosicché noi possiamo