Pagina:Guerrini - Brani di vita.djvu/150

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
140 Brani di vita

Così andavo leggendo, quando mi capitò sotto gli occhi questo sonetto, sgangherato, ma strano in bocca ad un prete:

20 SETTEMBRE 1880

Da questa eccelsa vetta abbandonata,
     D’alberi monda e sol d’erba vestita
     E d’ermi fiori, dove cento han vita
     Ruscelli d’acqua limpida e gelata,

O il bel cielo ch’io miro, o quale aurata
     Spera di sole, o l’Alpi, o l’infinita
     Cerchia di mar e i fertil pian (gradita
     Stesa di ville!) o Ausonia mia adorata!

Al bel paese delle Grazie e Amore
     Risorto ormai, sì impreco in questo giorno:
     L’ira d’Iddio lo distrugga intero.

Se de’ suoi figli il senno ed il valore
     Nol serberà di libertade adorno,
     Uno e temuto in faccia allo straniero.


Tombola! Un curato che parodia i versi di Garibaldi: “Vorrei vederla trepida — Sotto il baston del Vandalo” ecc.; un curato che canta l’Italia libera ed una proprio il 20 settembre, l’anniversario della breccia!...

Questa non me l’aspettavo! Guardai in faccia il mio reverendo interlocutore che tacque un momento e lo interrogai. Caddi di sorpresa in sorpresa! Anche