Pagina:Guicciardini, Francesco – Storia d'Italia, Vol. III, 1929 – BEIC 1846967.djvu/43

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

libro nono - cap. ix 37

presso a Costantinopoli, lo ricercò gli promettesse che ’l marchese sarebbe liberato; e recusando il bailo di promettere quel che non era in potestá sua e offerendo scriverne a Vinegia, ove non dubitava si farebbe deliberazione conforme al desiderio suo, Baiset replicandogli superbamente essere la sua volontá che egli assolutamente lo promettesse, fu necessitato a prometterlo: il che essendo significato dal bailo a Vinegia, il senato, considerando non essere tempo a irritare principe tanto potente, determinò di liberarlo; ma per occultare il suo disonore, e riportare qualche frutto della sua liberazione, prestò orecchi al desiderio del pontefice. Per mezzo del quale essendo, benché occultamente, conchiuso che, per assicurare i viniziani che ’l marchese non si moverebbe loro contro, il figliuolo primogenito fusse custodito in mano del pontefice, il marchese condotto a Bologna, poiché quivi ebbe consegnato il figliuolo agli agenti del pontefice, liberato se ne andò a Mantova: scusando sé appresso a Cesare e al re di Francia se, per la necessitá di riordinare lo stato suo, non andava ne’ loro eserciti a servirgli, come feudatario dell’uno e soldato dell’altro (perché dal re di Francia gli era stata sempre conservata la solita condotta e provisione), ma veramente avendo nell’animo di stare neutrale.


IX

Altra vana spedizione veneto pontificia contro Genova. Ostinata pertinacia del pontefice malgrado gli insuccessi e sua deliberazione di recarsi a Bologna perché sian condotte piú efficacemente le imprese. Il re di Francia pensa alla convocazione di un concilio.

Ma le cose tentate infelicemente non aveano diminuito in parte alcuna le speranze del pontefice; il quale, promettendosi piú che mai la mutazione dello stato di Genova, deliberò di nuovo d’assaltarla. Però, avendo i viniziani, i quali piú per necessitá seguitavano che approvavano questi impetuosi movimenti, accresciuta l’armata loro che era a Civitavecchia con