Pagina:Guida al Lago d'Iseo.djvu/15

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search




Da Brescia ad Iseo.


La via che da Brescia mette ad Iseo, seconda, alla distanza da tre ad un chilometro a destra, i colli vitiferi di Cobiato, Cellatica, Gussago, Rodengo, Saiano, Ome, Corneto, Monticello Brusati e Provezze, che danno dei migliori vini della Provincia, vini atti a migliorare assai. Ivi la terra argillosa e marnosa intorno le viti, per costume antico, nel verno è lavorata profondamente a solchi, utilissimi alla fruttificazione. Quelle vigne esclusive, e le grandiose cantine di Cellatica, di Cobiato e di Monticello meritano visita dagli enologi ed enofili.

Questi colli col tratto, parte piano, parte ondulato, e colla collina isolata detta Monte Orfano sino a Palazzolo sull’Oglio a modo di triangolo, formano la parte della provincia detta Francia Corta, denominazione che si prese ad usare solo verso il 1300, e che pare derivata dal breve soggiorno fattovi dalle bande rapaci di Carlo d’Angiò, passanti nel 1265