Pagina:Guida di Pompei illustrata.djvu/43

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 39 —

do bianco, sormontati da una cornice di stucco colorato. In ciascuna parete evvi un quadretto; il 1° a destra esprimente un Fauno che suona le tibie — il l’Amore che regge uno specchio a Venere sedente, che glielo fa volgere verso un Ermafrodita per farlo rimirare. Il 3° Apollo suonando la lira — negli altri compartimenti sono dipinte le Muse.

Uscendo da questa casa, trovasi una strada a scaloni, che mena all’Anfiteatro, di cui si trova la descrizione in fine.

Il quadrivio forma scompartimento di quattro principali Regioni, cioè I. IX. VII. e VIII. Evvi una fontana ed un piedistallo di marmo che reggeva la statua di Marco Olconio Rufo, (oggi al Museo di Napoli) contenente una iscrizione, concepita nel modo seguente:

A. M. Olconio Rufo figlio di Marco, tribuno dei soldati eletto dal popolo, duumviro per amministrar la giustizia cinque volte, delle quali due quinquennale, Sacerdote di Cesare Augusto e Patirono della Colonia.

Uscendo di nuovo sulla strada dell’Abbondanza si osserva dirimpetto alle Terme la

CASA DI CORNELIO RUFO, DOMUS CORNELIA

N. 15. — La disposizione architettonica può dirsi conforme alle altre abitazioni; ma ciò che la rende importante, è il ritratto del proprietario, scolpito in marmo, situalo di fronte all’entrata portante l’epigrafe Cornelio Rufo.

Regione VIII — Isola IV— Decumano minore

* CASA DI MARCO OLCONIO

4.) Le due botteghe che precedono, portante i numeri 2 e 3, hanno comunicazione tra loro e sono