Pagina:Guida di Pompei illustrata.djvu/62

Da Wikisource.

— 58 —

Ritornando nell’atrio, sulla parete destra, entrando dalla via nuova, notasi un quadro rappresentante la caccia al cignale.

Fa seguito un piccolo atrio, sulla cui destra vedesi una scaletta di fabbrica conducente al piano superiore; a sinistra un’ara con un serpente e tre Lari.

Di poi si accede nella cucina, ove sono due tripodi, cinque pentole di bronzo, una delle quali sopra un tripode; una graticola ed alcuni frammenti di anfore. — Di fronte vi è un piccolo cubicolo con tre figure oscene. Uscendo nell’atrio trovasi un’altro cubicolo.

GIARDINO

Il giardino è sparso di vasche di marmo rettangolari e circolari non che di tavoli pure di marmo, uno dei quali, circolare, è poggiato su tre trapezzofori a teste di leoni: alle colonne sono addossate diverse statuette di marmo. Alla colonna angolare nord ovest vi è la statuetta di Paride con due colombi ed un agnello; su l’istesso lato nord, nel centro, due statuette di bronzo affrontate, con la medesima rappresentanza di un putto che sostiene con la destra un’oca e con la sinistra un grappolo d’uva.

Addossata alla colonna nord-est è la statuetta di un Fauno, che regge con la sinistra un’anfora. Nel lato sud fra l’intercolunnio delle due colonne centrali è la statuetta di Bacco col càntaro nella destra, e di fronte altra statuetta di un Satiro, che sostiene l’otre sulla spalla destra e tiene la siringa con la sinistra. Addossato alla colonna angolare sud-ovest, vi e un putto accoccolato tenendo con la sinistra un coniglio. Nel lato occidentale sono due putti. Tutte queste sta-