Pagina:Guido Carocci Il viale dei colli 1872.djvu/18

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


II.

Sulla cima pianeggiante d’uno dei colli d’Arcetri sta il piazzale Galileo, uno de’ più bei punti della magnifica passeggiata che noi percorriamo.

Di lassù tu vedi spiegarsi sotto i tuoi occhi, prima i serpeggiamenti del viale, poi la città, le colline di Bellosguardo e di monte Oliveto sparse di villaggi, di palazzi e di case 1., che la circondano dal lato di mezzogiorno, poi le fertili pianure solcate dall’Arno. Dietro poi son tutte le belle colline d’Arcetri che da Firenze vanno a morire in una vallicella dietro il Poggio Imperiale ed a ricongiungersi poi coi colli di Montici. E tutti questi poggetti dalle delicate pendenze, dalle viottole ripide si, ma non affannose, dai fianchi eternamente coperti di verzura, son seminati di case e di ville che più o meno hanno tutte qualche memoria, qualche ricordo dei loro antichi proprietari o dell’assedio di Firenze.

L’assedio più che ogni altro fatto lasciò quivi le sue tracce, i suoi ricordi, perchè allora queste vaghe